Dintorni


10 motivi per una donna per seguire il calcio

L’Italia è una Repubblica Democratica, fondata sul lavoro... e sul calcio. Il budget di una famiglia si modella in funzione delle magliette da calcio da acquistare ed il tempo libero tiene conto dei doveri pallonari di ciascun amante dello sport più popolare nello Stivale.

Quando un pallone rotola davanti agli occhi di un italiano il desiderio di calciarlo è immenso e quando un tifoso sente parlare di catenaccio, contropiede o fuorigioco la passione calcistica ribolle istantaneamente nelle vene.

Tra amici si parla dei risultati della propria squadra del cuore, si scherza sulle squadre che perdono e sugli arbitraggi. Persino quando si incontra una persona che non si vede da un po’ di tempo dopo i rituali convenevoli ci si ritrova a parlare di ciò di cui si stava parlando l’ultima volta in cui ci si era visti: di calcio.

E’ così, i veri seguitori del pallone parlano solo di quello. E perché le donne, quando si incontrano non parlano di calcio? Forse le donne non sono al corrente della bellezza dello sport tanto amato dagli italiani? 

leggi di più 0 Commenti

Perché il Leicester di Ranieri ha fatto flop quest'anno?

Il 23 Febbraio 2017 termina il sogno di Claudio Ranieri alla guida del Leicester City.

Abbiamo deciso di far passare l’ondata emotiva che ha investito la decisione presa dalla dirigenza delle Foxes per concentrarci ora sull’analisi delle stagioni 2015-16 e 2016-17 della squadra di Mister Ranieri.

 

Nella passata Premier League il Leicester Citty Football Club si è laureato Campione d’Inghilterra con 81 punti frutto di 23 vittorie, 12 pareggi e solo 3 sconfitte; analizzando asetticamente i numeri il dato che balza all’occhio subito è il rendimento sostanzialmente uguale tra le partite giocate nel fortino del King Power Stadium e quelle in trasferta.

Ai 42 punti ottenuti in casa si sommano i 39 punti fatti in trasferta e anche il dato riguardante le marcature 66 realizzate, in cui spiccano i 24 gol del capocannoniere Jamie Vardy, e le 38 gol subiti è assolutamente in equilibrio. 

leggi di più 0 Commenti

Perché i derby di Londra e Aleppo sono così sentiti?

Il derby, la partita che vale una stagione, la partita che più di una questione di calcio. Ogni città ha il suo e spesso la rivalità esula dal calcio, la maggior parte delle volte la città si divide nel più tipico dei cleavage, ricchi contro poveri, classe media contro classe operaia.

Così si hanno derby come forse il più famoso, Boca Juniors contro River Plate. Due società nate nella stessa zona, il porto di Buenos Aires ma che dopo il trasferimento del River Plate nei quartieri residenziali sono la cosa più distante che esiste sulla faccia della terra, da una parte i genovesi, gli Xeneises, portuali del Boca Juniors e dall'altro gli inglesi milionari, i Millonarios, del River Plate.

Non sempre sono le classi sociali che dividono una città, altre volte si tratta di religione come nel caso dell'Old Firm scozzese dove i protestanti del Rangers Glasgow sfidano i cattolici del Celtic Glasgow, altre volte ancora è la politica a farla da padrona e quindi ci troviamo davanti ai "nazionalisti" catalani del Barcellona che sfidano non solo sul campo l'Espanyol fedele all'idea di una Spagna unita e al Re.

 

Questi però sono esempi famosi, le televisioni di tutto il mondo ci trasmettono le immagini di questi derby e del tifo, ne esistono altrettanti che fondano le loro radici nella storia più lontana e ancora dividono profondamente città piccole o grandi che siano.

Uno dei più iconici esempi di questi tipi di derby è sicuramente West Ham-Millwall.

 

Entrambe le compagini nascono nell'East End di Londra, sulle rive opposte del Tamigi a circa tre miglia di distanza.

leggi di più 0 Commenti

Van Basten non può cambiare il calcio, ecco perché

Marco Van Basten è stato un grande calciatore, dotato di un senso del gol impressionante, pareggiato dalla sfortuna, che lo ha costretto al ritiro dal calcio giocato anzitempo.

Dall'impossibilità di giocare ad alti livelli Marco si è saputo trasformare in allenatore e anche grazie alla sua fama è stato scelto come tecnico delle giovanili dell'Ajax, poi della (fortissima) nazionale olandese. Da lì un declino, che lo ha portato ad essere allenatore di Ajax, Heerenveen e AZ Alkmaar, poi allenatore in seconda nello stesso AZ e nella nazionale oranje. Senza gioie.

 

In questi ultimi anni, mentre Marco vagava tra le panchine olandesi, il calcio mondiale è stato scosso da una lunga serie di scandali, che hanno colpito in special modo Platini e Blatter, presidenti di UEFA e FIFA. Il tourbillon scaturitosi da questi burrascosi eventi ha nuovamente favorito Van Basten, che da settembre 2016 è diventato responsabile per lo sviluppo tecnico del calcio per la FIFA.

leggi di più 0 Commenti

Ex difensore e reponsabile tecnico delle giovanili del Milan: intervista a Filippo Galli

Da ormai due stagioni la porta del Milan è difesa dal giovane Gianluigi Donnarumma, che ai tempi del suo esordio in Serie A aveva 16 anni. Oltre a lui, il Milan ha deciso di puntare sui giocatori del proprio vivaio, da cui ha recentemente pescato titolari della prima squadra come Mattia De Sciglio, Davide Calabria Manuel Locatelli. Il tutto mentre altri giocatori sembrano pronti per l'esordio in massima Serie.

 

Per capire il successo del vivaio rossonero, il nostro Riccardo Vincelli ha intervistato Filippo Galli, difensore del Milan per 13 stagioni, durante le quali ha vinto 5 scudetti, 4 Supercoppe italiane, 3 Champions League, 3 Supercoppe UEFA e 2 Coppe Intercontinentali.

Galli copre attualmente il ruolo di responsabile tecnico del settore giovanile del Milan

leggi di più 1 Commenti

CEO e appassionato di calcio: intervista a Christian Gaston Illan

Imprenditore, appassionato di sociologia, opinionista calcistico televisivo e soprattutto CEO del social network che si basa sul rapporto tra utenti, identificati da un braccialetto fashion.

 

A questo identikit risponde Christian Gaston Illan, personaggio vulcanico di origine argentina, conosciuto al pubblico per il social network iLoby e per la sua partecipazione in qualità di opinionista nella trasmissione Diretta Stadio trasmessa su 7 Gold.

 

Le origini argentine di Christian ed il suo carisma lo rendono soggetto perfetto per un'intervista per Calcio e Dintorni, che al ristorante si rivela un raffinato gourmet di piatti argentini!

leggi di più 0 Commenti

Quali sono i numeri di maglia più strani?

Compie oggi gli anni il mitico Ivan Zamorano, passato alla storia per il suo 1+8 ai tempi dell’Inter.

Attaccante di razza non poteva che essere il numero 9 della squadra meneghina, neppure l’acquisto di Ronaldo (quello vero) gli fece cambiare numero, il Fenomeno dovette accontentarsi della 10.

 

L’arrivo di Baggio, però stravolse tutto; l’italiano si prese la 10 e il brasiliano la 9, Ivan, per non abbandonare il suo 9, decise di scendere in campo con il curioso e ormai celeberrimo 1+8.
Zamorano non è stato l’unico caso di giocatore che per i più svariati motivi hanno scelto di giocare con un numero diverso dalle consuetudini sulle spalle, eccone una breve carrellata.

leggi di più 0 Commenti

Uno stadio sull'equatore esiste per davvero?

Zerao: lo stadio sull'Equatore
Zerao: lo stadio sull'Equatore

Preparate valigie e passaporti, si vola in Brasile per un viaggio verso uno stadio molto singolare e significativo.

Siamo sulle sponde del Rio delle Amazzoni, a Macapà, capitale del penultimo Stato del nordest del Brasile, Amapà, e lo sguardo si perde oltre l’Amazzonia, in quel verde inestricabile e imperscrutabile della foresta pluviale.

 

Gli abitanti del luogo chiamano l’impianto con vari nomignoli: stadio dei due emisferi, stadio del centro del mondo, ma per tutti è lo Zerao, il Grande Zero.

Questo perché la posizione della città di Macapà è pari a  0° 0' 0'' di latitudine e, se questo non bastasse, la linea immaginaria dell’Equatore prende all'interno dello stadio la colorazione bianca del gesso della linea della metà campo.

leggi di più 14 Commenti

Le 11 frasi migliori di Zlatan Ibrahimovic: (INTERVISTA)

Nel bene o nel male, purché se ne parli (liberamente tratto da Oscar Wilde)

 

I calciatori moderni sono soliti interagire con un grande numero di persone tramite i social network e di far trasparire da essi le loro emozioni.

Su Instagram, Facebook e Twitter - ora dopo ora - ognuno di noi è in grado di scoprire cosa pensi il nostro beniamino in un click.

leggi di più 0 Commenti

Cosa ha fatto Andrea Luci? (VIDEO)

Dici Livorno e subito vengono in mente i fratelli Lucarelli.

Prendi un martedì, accendi la tv e trovi il turno infrasettimanale della Serie B e vedi per l'appunto il Livorno, che sta disputando un importante match contro il lanciatissimo Crotone, utile a rinverdire le speranze di conquista della Serie A per entrambe le squadre.

Per un appassionato di calcio, questi ingradienti sono validi motivi per iniziare la visione della partita.

leggi di più 0 Commenti