Note a pié pagina de Agenti e procuratori sportivi alla luce della riforma introdotta dalla Legge di Stabilità 2018

Le note riportate in questa pagina si riferiscono all'articolo: Agenti e procuratori sportivi alla luce della riforma introdotta dalla Legge di Stabilità 2018

 

Nota #1. E’ fatto di cronaca la vicenda pendente avanti al Tribunale di Napoli che, muovendo da un presunto conflitto di interessi tra un certo numero di agenti, società e calciatori ha ritenuto integrato il reato previsto dall’art. 2 d.lgs n. 74/00, che prevede e punisce la fatturazione di operazioni inesistenti.

La Procura della Repubblica ha ritenuto che i compensi pagati da alcune società ad alcuni procuratori di calciatori costituiscono una sorta di fringe-benefit per questi ultimi.

Il reato consisterebbe nella emissione di fatture relative a operazioni soggettivamente inesistenti.

 

Nota #2. La FIGC nelle more dell’adeguamento della normativa ha istituito il Registro federale provvisorio degli agenti sportivi (CU. 26 Giugno 2018, n. 80).

 

Nota #3. Il rinnovo annuale e la relativa domanda dovrà essere presentata entro 30 giorni dalla conclusione di ogni stagione sportiva federale.

 

Nota #4. Art. 11 del D.M. 23 marzo 2018, in attuazione della delega contenuta nell’art. 1. Comma 373, L. n. 205/2017.

 

Nota #5. Tale era il caso degli avvocati cui non si richiedeva la licenza.

 

Nota #6. Nella pallavolo, nel tennis e nel rugby la competenza è riservata esclusivamente agli agenti riconosciuti dalle rispettive Federazioni. Nel basket, la competenza viene estesa ai parenti e al coniuge ma non agli iscritti nell’albo degli avvocati.

 

Nota #7. Parere del CNF 17 luglio 2003, n. 146 e confermato successivamente dal Parere 20 febbraio 2008 n. 10 e dal Parere 16 marzo 2010, n. 11).

 

Nota #8. TAR Lazio, sez. III ter, 11 novembre 2010, n. 33428.

 

Nota #9. Trib. Udine 16 gennaio 2006, n. 55.

 

Nota #10. Cass. civ. sez. III, 17 marzo 2015, n. 5216.

 

Torna all'articolo

 

Scrivi commento

Commenti: 0