Che fine ha fatto Walter Baseggio?

Il prosecco, il sogno della Serie A e un emigrante di ritorno in terra italiana (più precisamente veneta) sono gli ingredienti della storia di uno dei tanti giocatori dai piedi buoni transitati dal massimo campionato italiano.

Nel 2005 Treviso raggiunge la massima serie italiana un po’ per caso, dopo anni di trionfi in sport quali la pallavolo e basket.

Con qualche mese di ritardo rispetto all'inizio della stagione 2005-2006, Walter Baseggio firma per il Treviso Calcio, con l’obiettivo di risollevare le sorti di una stagione iniziata male da parte della squadra bianco-azzurra. I tifosi veneti, avvezzi al buon prosecco frizzante, si aspettano da Baseggio l’incarnazione del famoso vino doc di Valdobbiadene (le cui colline sono tra l'altro recentemente diventate patrimonio Unesco), aspettandosi da Walter gioco vivace ed efficacia nelle conclusioni a rete.

Il ruolo di centrocampista avanzato e il tiro potente con cui il belga viene presentato ai tifosi sono il lasciapassare per diventare il salvatore delle sorti di una squadra dove i migliori giocatori non sono ancora riusciti ad esprimersi ad alti livelli. Giocatori dal futuro importante in Serie A come Reginaldo, Dino Fava Passaro, Dossena e persino il portierone dell'Inter Samir Handanovic erano ancora talenti imberbi, pur lasciando intravvedere doti calcistiche di primo livello.

 

Il perché della scelta di Baseggio

Ciò che la dirigenza del Treviso aveva richiesto a Walter Baseggio erano classe e gol. Un episodio di qualche anno prima sembrava promettere bene, in quanto durante un match di campionato belga Walter fece esplodere un pallone, in seguito ad un siluro scoccato dal suo piede sinistro.

Da quell'episodio proviene il soprannome dinamite!

 

L'arrivo a Treviso

Nel gennaio 2006 avviene l'ufficializzazione di Baseggio al Treviso e l’accoglienza dei tifosi veneti è molto calorosa. Le origini del padre (nato a Paderno del Grappa, poi emigrato in Belgio) ed il suo desiderio di mettersi a disposizione di una realtà potenziale trampolino di lancio per la sua carriera furono due ottime motivazioni per la sua scelta.

Nella sua prima stagione in Serie A, Baseggio gioca 15 partite, di cui 12 da titolare, realizza un gol ed altrettanti cartellini gialli e rossi. Il bilancio del suo esordio italiano è deludente, come un prosecco sgasato ed è aggravato dalla retrocessione con il miserrimo bottino di tre vittorie per i bianco-azzurri.

 

La Serie B ed il ritorno in Belgio

Nonostante qualche voce di mercato, Walter dimostra desiderio di riscattarsi e di mettersi in mostra nella Serie B italiana. Inizia la stagione 2006-2007 in cadetteria sempre con il Treviso, rimanendo in panchina nell'occasione della partita contro la Juventus e disputando poche presenze degne del suo pedigree.

Ad inizio 2007, il ritorno all’Anderlecht risulta una salvezza, dopo che l’esperienza italiana si stava rivelando anche in B un autentico flop. La dinamite sperimentata in Belgio, terra di miniere, non si è mai vista in Italia. Ciò che i tifosi hanno potuto vedere è stata un’ombra del potente e talentuoso calciatore, il cui talento è rimasto inespresso.

Non sempre l’attaccamento alle proprie origini ed il desiderio di vivere nei territori di origine della propria famiglia producono i risultati sperati…

 

Che cosa fa ora Walter Baseggio?

Nel 2009 Baseggio è stato colpito da un tumore alla tiroide, che lo ha fatto ingrassare di parecchi kilogrammi, compromettendone l’attività sportiva ad alti livelli e confinandolo nelle categorie minori belghe. Dopo il ritiro dal calcio giocato, Baseggio ha lavorato come commentatore per la tv belga, dopodiché ha svolto attività da uomo comune aprendo e chiudendo un paio di bar nelle Fiandre.

Per il calcio belga, Baseggio è un mancato grande calciatore, appartenente alla generazione di poco precedente a quella che avrebbe raggiunto il podio nel Mondiale di Russia 2018.

 

 

Autore: Gianmaria Borgonovo

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    GIRARDI - press service (venerdì, 12 luglio 2019 15:03)

    GIRARDI PRESS SERVICE
    Blog di calcio, commenti, revisioni delle partite, tattiche e ogni cosa che ci si aspetta come appassionato del calcio! Clicca su iscriviti per non perderti nessun articolo! SCOPRI ANCHE LA NUOVA RUBRICA CALCIOMERCATO! CERCA SUBITO LA TUA SQUADRA DEL CUORE!
    https://www.girardipressservice.com/