Perché si dice dribblare?

Ronaldinho: famoso esponente dell'arte del "dribblare"
Ronaldinho: famoso esponente dell'arte del "dribblare"

Lo sport e in particolare il calcio hanno fornito espressioni di utilizzo nel linguaggio comune. Ne abbiamo già parlato quando trattavamo il tema della zona Cesarini ed ora un altro termine merita approfondimento: dribbling.

 

La parola dribbling e più in generale il verbo dribblare sono di grande utilizzo nel linguaggio comune e facilmente riconducibili al calcio in Europa ed al basket negli Stati Uniti.

Per il verbo dribblare, l'Enciclopedia Treccani dà questa definizione: "Nel gioco del calcio, eseguire il dribbling. In senso figurato, e con uso transitivo, dribblare una domanda, e dribblare qualcuno (in quanto ponga domande o quesiti), eludere, scansare abilmente".

     

Il dizionario Sabatini Coletti del Corriere fornisce quest'altra definizione: "Nel gioco del calcio, schivare e superare l'avversario mantenendo il possesso del pallone. Sinonimo: scartare ~ senso figurato: schivare una difficoltà, eluderla".

 

Due definizioni analoghe, che risaltano la capacità di superare una difficoltà, mantenendosi sempre in controllo della situazione, sia essa il possesso del pallone o la capacità di evitare un problema con lucidità e sangue freddo.

Da gourmet di calcio, ci piace ricordare che il dribbling è un'arte spiccata in molti giocatori, generalmente nei calciatori che fanno della fantasia la loro arma migliore e che sono in grado di eseguire una serie di tocchi del pallone tanto delicati, quanto precisi.

 

I fattori da sviluppare per avere un dribbling efficace sono:

  • la capacità di tenere il pallone "incollato" al piede o quantomeno molto vicino ad esso;
  • gestire il possesso del pallone utilizzando la parte esterna del piede;
  • mantenere il contatto visivo del pallone, evitando di allungare eccessivamente la falcata ed aumentare la potenza dei tocchi;
  • usare il fisico per scansare (dribblare) l'avversario, sfruttando i cambi di ritmo per migliorare la propria agilità e sfuggevolezza nei confronti di chi si oppone a noi.

 

Godiamoci un video che ritrae Ronaldinho, re dei dribbling degli ultimi 15 anni, durante alcuni dei suoi dribbling migliori, sperando che qualcuno dei lettori possa ripercorrere le stesse gesta del grande campione brasiliano.

 

Autore: Gianmaria Borgonovo

Scrivi commento

Commenti: 0