Ricordate le figurine TOPPS di Volpi e Poggi? Noi le abbiamo trovate!

La stagione di Serie A 1997/98 per i veri appassionati di calcio non è stata solo quella della disastrosa seconda avventura di Capello al Milan, della rampante Udinese di Zaccheroni trascinata fino al terzo posto finale da un Bierhoff capocannoniere del torneo con 27 reti o della neopromossa Fiorentina di Malesani che finì il campionato in quinta posizione, della prima Sampdoria post addio alla bandiera Mancini, del ritorno di Donadoni al Milan dopo un anno passato a svernare negli States tra le fila dei NY Metrostars, degli esordienti Recoba, Pirlo, Zambrotta, Morfeo e, non dimentichiamolo, dell'arbitro Ceccarini e del contrasto Ronaldo-Iuliano per molti decisivo per le sorti scudetto.

E' stata soprattutto la stagione di Volpi e Poggi.

Se al solo suono di questi nomi vi si accende la lampadina del nervosismo, starete ancora pagando il dentista.

Quell'anno la TOPPS ebbe una trovata geniale: a sole 100 Lire i collezionisti, soprattutto bambini e adolescenti, trovavano all'interno della carta delle sue gomme da masticare tre figurine rappresentanti i calciatori di Serie A e, come se non bastasse, queste figurine potevano essere attaccate in un mini album distribuito gratuitamente in tutti i bar e tabaccherie.

 

Cosa spingeva i giovani a consumare cicche su cicche?

L'album una volta compilato era la scheda per partecipare al grande concorso secondo il quale chiunque avesse completato l’album e lo avesse spedito alla casa produttrice avrebbe avuto in regalo un pallone di cuoio e una maglietta di calcio della propria squadra preferita. Già mi immaginavo le infinite partite all'oratorio feriale con gli amici mentre sfoggiavamo le nostre divise. Nulla di più falso.
Queste gomme stavano avendo un successo strepitoso: tutti i ragazzini tra i 7 e i 14 anni le compravamo. I negozianti esaurivano subito le scorte, c'è chi era arrivato al punto di comprare l'intero box di chewing gum.
Il motivo è presto detto: di Volpi e di Poggi nemmeno l'ombra.


Presto cominciarono a circolare voci sui soliti improbabili cugini che non solo avevano trovato i due introvabili calciatori, ma che addirittura avevano i doppioni o nei casi più incredibili si vociferava che li avessero trovati insieme all’interno della stessa gomma da masticare. Madri insospettite si rivolsero addirittura ad una trasmissione televisiva "Mi manda Lubrano" su Rai3.


Ma la verità era tanto semplice quanto crudele: era una banale strategia di marketing e come ammesso dalla stessa TOPPS durante quel programma televisivo, le figurine di Volpi e Poggi furono stampate in tiratura molto limitata (si parla di neanche un centinaio di copie!!!).


All'epoca avevo 10 anni e ricordo come la domenica spendessi le 500 Lire datemi per le offerte in chiesa per comprare le cicche al bar davanti e, in settimana, gli scambi di figurine con i compagni di classe. Al mio album mancava anche il portiere dell'Udinese Luigi Turci. Nessuno di mia conoscenza ha mai finito in maniera onesta quel piccolo album di figurine. C'è chi si ingegnava in improbabili collage o chi spediva l'album senza quei due giocatori sperando di ricevere comunque il premio (si era sparsa anche questa voce).
Per concludere, ben poche persone possono dire di aver concluso l'album, ma certamente le figurine di Volpi e Poggi resterà per sempre un indelebile ricordo di gioventù per chi nel '97/'98 mangiava gomme su gomme alla ricerca dei misteriosi volti dei due calciatori.

 

Autore: Andrea Longoni

Scrivi commento

Commenti: 0