Che fine ha fatto Bojan Krkić?

Oggi, probabilmente, dopo un'epoca calcistica trascorsa sotto il segno di Lionel Messi (oltre che Cristiano Ronaldo), se si sentisse parlare di qualcuno come il "nuovo" fenomeno argentino, si starebbe probabilmente ascoltando un amico prendere in giro il compagno scarso al campetto. Nessuno, in poche parole, credo si permetterebbe di accostare un giocatore a Leo, se non per caricarlo di eccessiva pressione. Eppure, ormai una decina d'anni fa, i media credevano di avere trovato veramente l'erede designato. Si chiamava Bojan Krkić, lo conoscerete in molti, ed è stato protagonista di una delle storie di mancati talenti (altro che il già trattato Macheda) più clamorose del calcio moderno. 

leggi di più 0 Commenti

Che fine ha fatto Dida?

Nelson Dida in maglia rossonera del Milan
Nelson Dida in maglia rossonera del Milan

In Brasile il calcio è lo sport principale, il più praticato e il più seguito in televisione.

La maggioranza dei giovani lo pratica fin dalla giovane età, da aree come la favela Rocinha, fino ai quartieri bene di Alto da Lapa. Tutto in Brasile trasuda di calcio e i suoi abitanti sognano di diventare come Pelé, Garrincha, Romario, Ronaldo o Neymar sin dall'infanzia.

Uno di quei ragazzi ha però scelto di emulare le gesta di un calciatore, diverso per ruolo e caratteristiche tecniche dai precedenti. Il suo esempio calcistico infatti è il portiere Taffarel (tuttora ricordato per le sue prodezze in occasione del Campionato Mondiale di Calcio del 1994, vinto dai verde-oro a discapito della nazionale di Arrigo Sacchi e Roberto Baggio), mentre il ragazzo protagonista dell'articolo è Nelson de Jesus Silva, meglio conosciuto come Dida.

leggi di più 0 Commenti

Freddure a -90: 11 agosto 2019

Oggi, 11 agosto inauguriamo una nuova rubrica di freddure, ovvero di battute simpatiche e graffianti riguardanti il calcio italiano ed europeo.

La rubrica è a cura dell'amico Giuseppe Picciariello.

leggi di più 0 Commenti

Che fine ha fatto Pablo Daniel Osvaldo?

Spesso, guardando il calcio con i nostri occhi da tifosi, non capiamo veramente cosa significhi fare parte di quel mondo.

Non riusciamo a capacitarci, accecati dall'oro e dagli allori destinati ai giocatori, che magari tutta l'attenzione mediatica, tutti i doveri cui sono sottoposti gli atleti, per quanto lautamente ricompensati ed amati, possano non piacere. Sembrerebbe sacrilego, ma invece è così; e lo dimostra la storia di Pablo Daniel Osvaldo, autore di una carriera atipica e turbolenta, conclusa, in poche e semplici parole, "per noia".

Giocatore estroso e spesso sopra le righe, con la innata passione per le rovesciate, il buon Daniel nasce a Lanùs il 12 gennaio 1986; si presenta nel calcio che conta nel 2005, con un'ottima stagione all'Huracan da 11 gol in 33 partite. Questo è il suo biglietto da visita per l'Italia.

leggi di più 0 Commenti

Che fine ha fatto Federico Macheda?

Quella di Federico Macheda - per tutti semplicemente "Kiko"- è la storia, tutta da raccontare, di uno dei più grandi prospetti mancati del nostro calcio. La storia di una vera e propria meteora, corpo celeste che, dopo l'impatto con l'atmosfera e la splendida scia, si dissolve senza lasciare traccia.

È il simbolo della bellezza incompiuta Kiko, di un'opera solo iniziata, mai finita; anzi, a dirla tutta, appena accennata. 

Federico Macheda nasce dunque il 22 agosto 1991 a Roma, città in cui esplode come giocatore sin da piccolo, entrando nelle giovanili della Lazio; lì impressiona per le sue doti, fisiche e tecniche.

"È il prototipo dell'attaccante moderno" scrivevano e scriveranno i media. Mai definizione fu più giusta, perché Kiko non diverrà mai il fenomeno che ci si aspettava, il fuoriclasse che tutti, persino un portoghese abbastanza talentuoso (detto CR7), si aspettavano dopo un'inizio con i Red Devils da Crack assoluto. Ne resterà soltanto un progetto, un prototipo, appunto.

leggi di più 0 Commenti

Calciopoli, farsa di una lunga estate

A dispetto della natura e dell’ovvio alternarsi delle stagioni, c’è una sola estate che non passa mai.

Quella del 2006, l’estate di Calciopoli. Un colpo in testa a Luciano Moggi.

Essenzialmente. Ma non solo.

Un colpo al cuore della credulità della gente.

Un colpo all'anima di una delle più importanti aziende del sistema Italia, l’azienda calcio.

Un colpo di sole della giustizia italiana, un colpo di coda delle malelingue, un colpo di scena di gossip mescolato a leggende metropolitane di varia e vasta origine.

Un corpo a corpo sudaticcio come ogni estate che si rispetti tra verità dei fatti e verità accettabile, un abbrustolito falò estivo appiccato da una improbabile comitiva di interessi convergenti spacciato per rogo epocale di streghe doc, uno scivolone di concetti come logica e diritto indietro nel tempo agli anni della forca.

Un abbaglio insomma oramai rivelatosi tale a distanza di anni ma con il suo carico di vittime collaterali.

La determinante credibilità del principale sport nostrano.

E qualche ovviamente inutile numero di esseri umani.

 

Siete curiosi di leggere il libro Calciopoli, farsa lunga un'estate? 

Prenotatelo sul sito di IBS.

Il libro sarà inoltre disponibile in tutte le librerie e negli store online a partire dal 27 settembre.

leggi di più 0 Commenti

Il nuovo Art. 25 Quaterdecies D. LGS. 231/2001 ed il nuovo Codice di Giustizia Sportiva: cosa potrebbe succedere se si verificasse una nuova Calciopoli?

Era una notte buia e tempestosa quella che colpì, nell'anno del Signore 2006, il calcio italiano. Questo, proprio nel periodo in cui la rappresentanza nazionale di quello stesso calcio (ritenuto malato) riusciva finalmente ad alzare il trofeo più importante.

Sono ormai passati esattamente tredici anni dall'estate di “Calciopoli” e lo scenario che ci troviamo davanti è davvero molto differente.

Certo, contrariamente alle aspettative di più di qualcuno, le squadre che dominano ed hanno dominato gli ultimi campionati sono sempre le stesse: quelle con più potere economico.

Anzi, sembra sempre più difficile ipotizzare una ripetizione dei favolosi risultati di Hellas Verona e Sampdoria, giusto per citare gli ultimi in ordine di tempo.

Tuttavia, qualcosa di importante è cambiato: le società di calcio sono sempre più interessate a munirsi di strumenti volti a prevenire quanto successe nel 2006 e, più in generale, la commissione di illeciti, soprattutto penali, nel loro ambito.

leggi di più 0 Commenti

Che fine ha fatto Walter Baseggio?

Il prosecco, il sogno della Serie A e un emigrante di ritorno in terra italiana (più precisamente veneta) sono gli ingredienti della storia di uno dei tanti giocatori dai piedi buoni transitati dal massimo campionato italiano.

Nel 2005 Treviso raggiunge la massima serie italiana un po’ per caso, dopo anni di trionfi in sport quali la pallavolo e basket.

Con qualche mese di ritardo rispetto all'inizio della stagione 2005-2006, Walter Baseggio firma per il Treviso Calcio, con l’obiettivo di risollevare le sorti di una stagione iniziata male da parte della squadra bianco-azzurra. I tifosi veneti, avvezzi al buon prosecco frizzante, si aspettano da Baseggio l’incarnazione del famoso vino doc di Valdobbiadene (le cui colline sono tra l'altro recentemente diventate patrimonio Unesco), aspettandosi da Walter gioco vivace ed efficacia nelle conclusioni a rete.

Il ruolo di centrocampista avanzato e il tiro potente con cui il belga viene presentato ai tifosi sono il lasciapassare per diventare il salvatore delle sorti di una squadra dove i migliori giocatori non sono ancora riusciti ad esprimersi ad alti livelli. Giocatori dal futuro importante in Serie A come Reginaldo, Dino Fava Passaro, Dossena e persino il portierone dell'Inter Samir Handanovic erano ancora talenti imberbi, pur lasciando intravvedere doti calcistiche di primo livello.

 

leggi di più 1 Commenti

Che fine ha fatto Andrea Tentoni?

Il campionato 1991-92 sicuramente non viene ricordato come uno dei più felici per i tifosi della Cremonese.

La squadra del presidente Luzzara, con in panchina il signore del colbacco Gustavo Giagnoni retrocede in serie B. In quel team giocarono giocatori che hanno comunque lasciato un segno: su tutti Michelangelo Rampulla, il primo portiere che realizzò un gol di testa su azione (Atalanta-Cremonese 1-1).

Nell’estate 1992 ci fu anche il cambio di allenatore. Come nuovo mister per una pronta risalita venne scelto Gigi Simoni da Crevalcore, protagonista nell'ultima stagione in serie C2 sulla panchina della Carrarese.

I toscani, infatti, si classificarono al 2° posto e vennero promossi in C1. La squadra che li precedette in quel girone B fu la sorprendente Vis Pesaro. Tra le fila dei biancorossi marchigiani giocava in attacco un giovanotto che impressionò positivamente il nuovo allenatore grigiorosso: tale Andrea Tentoni da Rimini, classe 1969.

leggi di più 0 Commenti

La nuova maglia del Corinthians ispirata a Ronaldo

Dieci anni fa, al termine della sua esperienza europea con il Milan, Ronaldo tornò in Brasile per unirsi al Corinthians. In due anni, vinse la Coppa del Brasile e il Campionato statale di San Paolo.

Nella sua prima stagione il Fenomeno segnò 23 gol in 38 partite totali, mettendo a tacere molti giornalisti che avevano messo in dubbio la sua condizione fisica.

Per celebrare la stagione in cui il calciatore brasiliano più rappresentativo del calcio moderno ha vestito la maglia del Timão, Nike ha realizzato una maglia richiamando i dettagli della stagione 2009/2010.

Un kit, quindi, pulito, bianco con 9 pinstripes: un numero significativo, omaggio al Fenomeno, così come il logo stampato all'interno del colletto. Nella pulizia cromatica della maglia e dei pantaloncini neri risaltano lo swoosh e il crest rosso della squadra, con l'ancora simbolo degli sport nautici praticati dalla polisportiva.

leggi di più 0 Commenti